La fuga dei baccelli

blog sinottico di due ricercatori in fuga

February 21st, 2012

Anatomia di un video

Santander, by enrico.

 

Da ieri sera circola in rete questo video. È stato girato a Valencia nel corso delle violenze seguite da un intervento sconsiderato della polizia contro alcuni studenti medi che stavano pacificamente protestando contro i tagli all’educazione del governo regionale. Una delle polizie più brutali d’Europa ha ieri fatto mostra di una violenza gratuita, irrazionale; una violenza che, come in questo caso, quando viene esercitata dallo stato o da dei suoi rappresentati fa ancora più paura. Ieri sera, al termine di una giornata folle, circa 400 giovani hanno trovato rifugio nella Facoltà di Storia e Geografia poco distante dal centro degli scontri e solo l’intervento di una professoressa ha evitato che l’edificio venisse letteralmente “assaltato” dai supposti tutori dell’ordine.

In quel caos, tra le decine di video che sono subito cominciati a girare sul web la mia attenzione si è fermata su questi 37″ che ci dicono molto della nostra contemporaneità e dei suoi problemi. La violenza con cui l’agente spinge le due ragazzine verso l’auto non può neanche essere commentata, in quella spinta c’è molto sia della Spagna sia dell’Europa di questo inizio 2012. In quel gesto c’è tutto un continente reso più cattivo da una crisi che non solo sta allontanando greci e tedeschi ma che sta soprattutto spaccando le nostre società dall’interno. In quel gesto ci sono tutte le responsabilità degli irresponsabili che ci governano e che ci hanno governato, c’è, molto probabilmente, il fallimento di un intero modello di convivenza.

Nelle grida soffocate delle due ragazze c’è tutta l’impotenza di chi questa situazione la sta subendo, di chi non ha colpe ma che è costretto, suo malgrado, ad interpretare l’unico ruolo concessogli: quello della vittima. Quel gesto, la rincorsa che prende l’agente sembra lasciare poche opzioni;  ad una violenza come quella pare si possa rispondere solo con altra violenza, le mani, vedendo quei 37″, prudono e prudono tanto…..

È sempre più difficile, ma dovremmo ancora provare a seguire l’indicazione di qualcuno che purtroppo non c’è più, di qualcuno che, dall’altra parte del Mediterraneo, ci invitava a restare umani.

 

Oggi gli amici di Valencia stanno manifestando impugnando solo dei libri, forse qualche speranza c’è ancora.

Back Top

Responses to “Anatomia di un video”

Comments (1) Trackbacks (0) Leave a comment Trackback url
  1. complimenti per l’articolo….

  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*


Creative Commons License
La fuga dei baccelli by La fuga dei baccelli - Acciai & Trombi is licensed under a
Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported License.