La fuga dei baccelli

blog sinottico di due ricercatori in fuga

September 21st, 2011

Me e Raffaele

Santander, by enrico.

Raffaele è nato in Puglia nel 1969; io sono nato in Toscana nel 1980. Raffaele fa lo stesso mestiere del padre; io provo, con scarsi successi, a fare lo storico. Raffaele ha preso un voto bassino alla maturità (38/60); anch’io in quell’occasione non ho brillato (69/100). Ma questa è forse l’unica cosa che abbiamo in comune io e Raffaele.

Questa sera mi sono incrociato con Raffaele e di ritorno per qualche giorno in Italia l’ho appena ascoltato a lungo. Già sapevo che io e Raffaele la pensavamo in modo diverso su molte cose, già sapevo che non sarei stato d’accordo con quello che avrebbe detto, già sapevo che le nostre idee d’Italia erano molto diverse. Nonostante questo ho visto Raffaele difendere l’indifendibile, arrampicarsi sugli specchi, negare l’evidenza e ho provato rabbia, tanta rabbia. Ho provato rabbia perché è proprio per gente come Raffaele che la nostra società è in coma profondo, è per gente come lui che in tanti ce ne siamo dovuti andare, è per gente come lui che è così difficile essere italiani. Ho provato rabbia perché l’inglese ed il francese di Raffaele erano talmente maccaronici di far pensare ai film di Totò. Ho provato rabbia perché Raffaele dimostrava di non avere neanche gli strumenti intellettuali per occupare il posto che occupa. Ho provato rabbia pensando ai sacrifici che sta facendo una buona parte della mia generazione per colpa di tanti raffaeli. Ho provato rabbia perché non si poteva provare altro.

Poi ho pensato che la sera Raffaele dovrà pur tornare a casa dai propri cari, parlare con i figli, vedere degli amici e mi son chiesto cosa dica loro, se avrà, anche con loro, la faccia tosta di sostenere l’insostenibile. E allora, giusto per un secondo, ho provato anche un po’ di pena per Raffaele.

Vado a letto pensando che finché ci sarà gente come Raffaele ci saranno, sicuramente, dei Baccelli in fuga.

 

ps

 

Raffaele di cognome fa Fitto, è l’attuale ministro per gli affari regionali e, tra il 2000 ed il 2005, è stato presidente della regione Puglia. Questa sera era ospite della trasmissione Ballarò.

 

pps

 

Il padre di Raffaele era stato presidente della stessa regione dal 1985 al 1988, vedi i casi della vita…..

 

Back Top

Responses to “Me e Raffaele”

Comments (0) Trackbacks (0) Leave a comment Trackback url
  1. No comments yet.
  1. No trackbacks yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*


Creative Commons License
La fuga dei baccelli by La fuga dei baccelli - Acciai & Trombi is licensed under a
Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported License.